Capita purtroppo a tutte di dimenticare le pentole sul fornello acceso. Sarà per disattenzione o per i troppi pensieri che abbiamo in testa, ma questo capita a tutte. Quando queste rimangono per molto tempo sul fornello finiscono per bruciarsi.

Ciò che ci rimane a disposizione è una pentola nera, brutta e ora mai da buttare, perché è diventata inutilizzabile. La prima cosa che ci viene in mente è certamente : “Devo buttarla, non mi serve più”.

In realtà non è così. Anche in questo caso i vecchi rimedi ci vengono in aiuto e ci risolvono il problema della pentola bruciata.

Con questa semplice guida riusciremo a capire cosa fare per poter recuperare una pentola carbonizzata. In commercio vi sono, per nostra fortuna tantissimi prodotti come sgrassatori e disincrostanti, che utilizzandoli ci permetteranno di riaver come nuova la nostra pentola.

Ma per chi non ha voglia di spendere soldi né per comprare una pentola nuova né per acquistare dei prodotti, ecco un semplice modo che ci darà una vera soddisfazione, rendendo la nostra pentola annerita davvero nuova.

Primo metodo

La prima cosa da fare, che ci è stata tramandata anche dalle nostre nonne, che non avevano a quei tempi dei prodotti adatti per queste emergenze, è quello dell’ uso del bicarbonato di sodio. Ciò che dobbiamo fare è prendere la nostra pentola ora mai abbrustolita e metterla in un’ altra pentola più grande, quest’ultima piena di acqua e un cucchiaio di bicarbonato. Facciamo bollire, spegniamo il fornello e lasciamo in ammollo la pentola per non meno di un’ora. Con questo metodo, molto semplice e casalingo, se la pentola non è proprio da buttare, riusciremo a riaverla nuova e lucida. Come prima cosa da guardare è il suo fondo, se questo non avrà difficoltà a diventar chiaro, una volta che verrà pulito con la spugna, vuol dire che la pentola potrà essere recuperata.

Secondo metodo

Un altro metodo che può esser fatto comodamente a casa nostra è quello di unire al bicarbonato di sodio, anche l’azione sgrassante del detersivo dei piatti e dell’aceto.

Per fare questo occorre mettere 3 cucchiai di bicarbonato, un po’ di detersivo liquido e un bicchiere di aceto bianco. Mettiamo a bollire questi tre ingredienti nell’acqua e uniamoci la nostra pentola bruciata. Lasciamo bollire per circa tre quarti d’ora e poi prendiamo la pentola rovinata e puliamola con una spugna o con una retina. Sciacquiamo sotto l’acqua fresca e vedrete che la nostra pentola tornerà a splendere.

Terzo metodo

Possiamo anche inserire nella pentona bruciata un pugno di sale grosso e acqua, lasciamola bollire per almeno mezz’ora e poi passarci la retina per bene.

Ci vorrà solo un po’ di buona volontà ed olio di gomito. In questo modo potremmo dire di esser in grado di porre rimedio da sole ai problemi casalinghi.